Azioni Eni

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

Comprare azioni Eni significa investire su una grandissima multinazionale dal marchio italiano, che opera in tutto il mondo con una grande struttura al seguito e quasi 80 mila dipendenti. Quando diciamo “in tutto il mondo” lo intendiamo per davvero in quanto Eni è dislocata in ben 90 paesi. In questo articolo vi presenteremo le caratteristiche più importanti di questa società, per meglio comprendere cosa significhi investiore in azioni Eni tramite una banca oppure tramite le piattaforme di negoziazione online, come quella raggiungibile partendo dallo grafico in tempo reale qui sotto.

Era il 1953 quando il grande Enrico Mattei fondò l’Ente Nazionale Idrocarburi a Milano, un’azienda di Stato che si avviava a diventare una delle più grandi imprese del mondo, sia in termini economici che umani. Dopo 60 anni, l’Eni è il sesto gruppo petrolifero al mondo dopo un’ardua concorrenza formata da Exxon, Mobil, Shell, Total, BP e Chevron. Sono tutti giganti, ma Eni si fa notare per la sua professionalità e le sue idee. Nel mondo, Eni rappresenta la 22esima azienda per fatturati, non poco davvero. La grandezza di questa azienda ci ha fatto fare grandi passi negli accordi internazionali e assumere un peso non di poco rilievo nel G8, tanto più da quando diventato (si spera temporaneamente) G7.

Le azioni Eni oggi sono quotate sia alla Borsa di Milano, sia al NYSE, ovvero a Wall Street. A proposito delle azioni, si può evidenziare la capacità manageriale di questo gruppo, che ha trovato negli anni diversi metodi per rafforzarsi, cosa che ha giovato i suoi azionisti. Ad esempio, storica è stata l’acquisizione di Snamprogetti avvenuta tramite la Saipem, società controllata dalla Eni. Questa operazione è avvenuta nel 2006, mentre nel 2007 la Eni si è accordata con la Gazprom per lo studio di nuove zone di estrazione in Siberia, in cambio del “libero mercato” del gas russo in Italia.

Di rilievo anche l’acquisizione della Distrigas, società belga che già operava in Belgio e grandi realtà europee tra cui Francia e Germania.

Insomma, con Eni si può sempre assistere a degli avvenimenti degni di nota che influiscono sul prezzo delle sue azioni, perciò ora sapete che negoziare azioni Eni con CFD vi consentirà di guadagnare sia sui rialzi, sia sui ribassi. Eni è soggetta ad entrambi. Sul lungo termine, studiatevi meglio i piani della società. Per negoziare su azioni ENI potete utilizzare la popolare piattaforma di negoziazione Plus500.