Confronto tra Azioni Ordinarie e Azioni Privilegiate

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

In questo articolo ci soffermeremo sulle differenze tra le azioni ordinarie e le azioni privilegiate. Prima di approfondire queste differenze, ripetiamo brevemente il concetto di azione: si tratta di un titolo rappresentativo di una quota di proprietà di una società, il cui possesso è condizione necessarie per poter essere soci della stessa. Queste vengono emesse dalle aziende che desiderano ottenere fondi dal pubblico acquirente al fine di poter avanzare nei propri obiettivi strategici di mercato.

Le Azioni Ordinarie

Quando si sente parlare di azioni, solitamente si intendono le azioni ordinarie ovvero quelle che non rientrano nelle categorie speciali come le azioni privilegiate, azioni di risparmio, azioni a voto limitato, azioni correlate, azioni postergate e le azioni di godimento. Le azioni ordinarie danno al possessore diritti amministrativi e patrimoniali come il diritto di partecipare alle assemblee ordinarie e straordinarie, il diritto al riparto degli utili e a una quota di liquidazione nel caso di scioglimento della società.

Per quanto riguarda il diritto di voto, questo è praticamente ininfluente a meno che non si disponga di una grande pacchetto azionario (in caso di grandi società) oppure che si possieda una determinata percentuale di azioni di una piccola società. Le scelte più importanti vengono infatti prese dai grandi azionisti, coloro che detengono percentuali di azioni molto elevate. Con questo non si vuole sminuire l’importanza del diritto legato alle azioni ordinarie, ma è comunque una caratteristica oggettiva e reale.

Le Azioni Privilegiate

Le azioni privilegiate vengono così chiamate per via del fatto che prevedono dei privilegi rispetto alle azioni ordinarie, soprattutto per due punti: i dividendi e la liquidazione.

Per quanto riguarda i dividendi, i possessori di azioni privilegiate possono decidere di accumularli nel tempo e riscuoterli in una unica soluzione, a differenza di quanto avviene con le azioni ordinarie per le quali nella maggior parte dei casi ormai non vi è manco una sicura emissione dei dividendi. Le azioni ordinarie infatti vengono utilizzate soprattutto per lo scambio e il trading azioni.

Per quanto riguarda la liquidazione, le azioni privilegiate offrono un diritto di precedenza rispetto alle azioni ordinarie. In pratica, se la società va in liquidazione verranno pagati prima i possessori di azioni privilegiati e solo successivamente (nel caso ci siano ancora fondi) quelli delle azioni ordinarie. Ad ogni modo, entrambi dovranno sottostare alla precedenza dei possessori di obbligazioni, primi in lista nel pagamento post liquidazione.