I Tori, Gli Orsi, La Fattoria

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

Un detto riguardante il mercato azionario recita: "I tori fanno soldi, gli orsi fanno soldi, ma i maiali vanno al macello". Apparentemente, questo avvertimento era originariamente creato per ricordare ai trader di azioni di evitare di inciampare nella bramosia di guadagno e si applica benissimo a coloro che desiderano iniziare a negoziare azioni con successo. La fattoria del mercato delle azioni è costituita dai trader che tendono a conformarsi psicologicamente ad uno o più animali tra quelli menzionati qui di seguito.

I Tori (Bulls)

I trader di azioni vengono chiamati "Tori" (Bulls) su una particolare azione quando pensano che il valore di questa salirà di molto e quindi prendono una posizione lunga (long).

Per esempio, questi possono credere nelle prospettive di business dell’azienda per motivi legati al mercato in base alle informazioni ottenute dai prospetti. In altri casi, sono i dividendi ad essere la causa di questo entusiasmo e quindi la causa della posizione lunga.

Tuttavia, anche i tori più forti hanno bisogno di ricordare che il mercato delle azioni ha la tendenza a esagerare alle volte, perciò l’ottimismo di questi azionisti può spesso finire per scoppiare come una bolla di sapone. I trader esperti sanno che il mercato delle azioni spesso ti porta su con le scale, ma giù con l’ascensore.

Gli Orsi (Bears)

Gli orsi possono essere creature scontrose che diffidano del mercato, contrariamente a ciò che fanno i tori. I trader chiamati "orsi" (Bears) su particolari azioni pensano che il loro valore scenderà e perciò prenderanno una posizione short. Tuttavia, le azioni possono essere vendute short soltanto su un piccolo rialzo, perciò gli orsi su particolari azioni hanno bisogno di aspettare prima di poterle vendere.

Gli orsi possono adottare una posizione short su una azione di una società se pensano che questa stia sforzandosi economicamente e i suoi prospetti prevedono peggioramenti. Così come i tori con il loro eccessivo ottimismo, gli orsi dovrebbero ricordarsi di non guardare all’ingiù per sempre, ma essere abbastanza flessibili in modo da capire quando il mercato è davvero in crisi.

Gli altri animali della Fattoria

Anche se i tori e gli orsi sono gli "animali" più conosciuti tra i trader di azioni, questi non costituiscono le sole "creature" all’interno della fattoria.

  • La pecora e i polli

Ognuno di questi animali da trading fallisce nel proprio intento poiché entrambi hanno paura di prendere una posizione, sebbene per ragioni differenti.

Il trader pecora è solo troppo timido per provare qualcosa di nuovo, mentre il trader pollo ha paura di venire ucciso quando entra nel mercato. Insieme, se ne stanno ai bordi del recinto, aspettando per la negoziazione perfetta che ovviamente non avverrà mai.

Essenzialmente, ogni trader di azioni decente deve sperare di perdere qualcosa al fine di uscire successivamente come vincitore; non si può neanche aspettare di vincere se si seguono dei trade plan troppo rigidi.

Non prendersi nessun rischio significa non ottenere alcuna ricompensa, perciò questi trader perdono parecchie opportunità di guadagno soltanto per la paura di perdere parte del capitale iniziale.

  • I Maiali

Infine, non potevano mancare certo i maiali. Questo animale da trading tende a soccombere a causa della propria ingordigia ad esempio rifiutando di ottenere profitti sulle posizioni long quando se ne ha la possibilità al fine di sfruttare qualche altro rialzo di mercato.

Invece di incassare i guadagni e reinvestirli, questi arrivano a perdere tutto ciò che hanno accumulato. In questo modo, si portano alla "macellazione" da soli.

Ovviamente vi sono quelli che riescono in questo intento, ma la maggior parte arriva a scoppiare. Maiali sono considerati anche quelli che tendono a prendersi rischi sostanziali senza troppi studi del mercato, tentando impazientemente di ottenere grossi profitti in poco tempo. Spesso, in questo processo qualcosa va storto (magari proprio per non aver studiato abbastanza l’investimento).

Conclusioni

Fondamentalmente, sia i tori che gli orsi possono guadagnare per via del "pendolo" dell’equilibrio del mercato azionario. Anche i polli possono riuscire a beccare un po’ di mangime, mentre alcuni maiali possono riuscire nei loro intenti frenetici. E voi, che animale siete?