Telecom vola, FTSE Mib ancora in positivo.

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

Oggi l’indice FTSE Mib ha guadagnato l’1,26% a 15.346. A trascinare in positivo Piazza Affari ci hanno pensato alcuni titoli tra cui Telecom Italia, che come abbiamo già visto qualche giorno fa sta concludendo le contrattazioni per l’integrazione con 3 Italia, operazione che dovrebbe portare il suo titolo a crescere parecchio. Ad ogni modo, agli investitori piace e si sta vedendo. Le azioni Telecom Italia hanno avuto un ulteriore rialzo (oltre quello di ieri) del 3,83% a 0,596 euro. Il CDA sarà convocato l’11 aprile e lo stesso giorno sarà un vero punto di svolta. Ad aggiungere ulteriori spezie a questo curioso piatto c’è la Hutchinson Wampoa (colosso cinese che controlla 3), la quale sarebbe pronta a rilevare il 30% di Telecom Italia nel caso andasse a termine l’operazione di integrazione tra i due operatori. Tra gli altri titoli  azionari, vediamo i bancari: Mediobanca +5,02% a 4,182 euro, Intesa SanPaolo +3,60% a 1,208 euro, Unicredit +1,89% a 3,35 euro. Perdono Banco Popolare -0,32% a 0,924 euro, Monte dei Paschi -0,06% a 0,165 euro. Tra le azioni che hanno guadagnato di più troviamo Azimut +5,75% a 12,68 euro, FIAT +1,61% a 4,038 euro (sarà presto reso pubblico il target del 2013, mentre Marchionne ha fatto sapere che si raggiungerà la parità di bilancio nel 2015 massimo 2016). Bene anche Eni +1,59% a 17,86 euro, Enel +1,24% a 2,61 euro. Pirelli perde ancora terreno con un -2,34% a 7,52 euro, sempre per via del rinvio della presentazione del business plan.